Fimosi nel bambino, quando intervenire con la circoncisione

Per fimosi si intende il restringimento del prepuzio e quindi l’impossibilità di scoprire il glande a causa della ristrettezza. E’ una condizione frequente nei bambini, che poi però si può risolvere da sola. In casi eccezionali ci può essere la fimosi serrata, che non permette il normale flusso dell’urina con conseguente infezioni.

Nel caso si sia accertato che è presente una fimosi serrata vanno evitate le manovre di scopertura del glande, una volta tanto raccomandate, perchè sono dolorose e non portano alla risoluzione del problema, anzi a volte peggiorano la situazione: nell’abbassare la pelle si determinano piccole lacerazioni che, quando guariscono, “tirano” la pelle e restringono l’apertura. Se la fimosi è vera e serrata, l’unica soluzione è alla fine quella chirurgica.
L’iter da seguire è il solito, visita pediatrica e poi visita dal chirurgo pediatrico che vi proporrà due tipi di interventi: la circoncisione e la postectomia parziale.
a) Circoncisione: è l’intervento più comunemente usato, nel bambino viene fatto in anestesia totale. Consiste nell’asportazione completa del prepuzio, dopo l’intervento il glande rimane completamente scoperto, ha il vantaggio di essere risolutivo pressoché in tutti i casi.
b) Postectomia parziale: è l’intervento di asportazione parziale del prepuzio. Questo intervento ha il vantaggio di mantenere una parte di prepuzio e quindi di mantenere una copertura parziale del glande. Ha lo svantaggio che la fimosi si può ripresentare.
Ti ritrovi a decidere cosa sia meglio per il tuo bambino, non intendendotene affatto.
Dopo qualche giorno verrete chiamati per effettuari i vari esami pre-operatori: esami del sangue, cardiogramma, domande varie utili per l’intervento, si parla con l’anestesista e nel giro di pochi giorni il vostro bambino dovrà entrare in ospedale per essere operato in regime di day-hospital.

L’intervento di circoncisione dura una mezzoretta, ma quel tempo si dilata a dismisurata per i genitori che son fuori ad aspettare. Hai sempre paura che vi possano essere dell complicazioni a causa dell’anestesia o altro.
Quando lo vedi uscire tiri un sospiro di sollievo e il tuo cuore ricomincia a battere con un ritmo regolare.
Dopo l’intervento i punti di sutura sono riassorbibili e non necessitano di rimozione, la ferita guarisce in circa 2 settimane, e va medicata almeno tre volte al giorno, oppure ogni volta che il bambino farà la pipì.
Il glande che rimane scoperto sarà più sensibile per il primo periodo, ma poi passa.
L’intervento è preferibile farlo prima dei 5 anni, per non causare traumi nel bambino, perchè psicologicamente non è semplice affrontare questa esperienza.

In molte culture la circoncisone viene effettuata per motivi religiosi e anche con metodi barbari raccontatimi da un papà mussulmano mentre aspettavamo i nostri bambini. Lui quand’era piccolo ha fatto la circoncisione senza alcuna anestesia e con un normale coltello ben affilato, poi l’hanno incerottato ben bene e mai più medicato. E’ una fortuna che non abbia contratto nessuna infezione. Memore della sua esperienza ha fatto effettuare la circoncisione a suo figlio in ospedale, ben assistito e curato.

Annunci

2 pensieri su “Fimosi nel bambino, quando intervenire con la circoncisione

  1. Pingback: Quando il bambino mangia e cresce poco |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...