Mutismo selettivo

Un bimbo a cui voglio molto bene quest’anno ha iniziato a non parlare più in classe, si pensa a causa del cambiamento dell’ insegnante di sostegno. A casa con i suoi familiari, con le persone che conosce e che gli stanno simpatiche, parla normalmente, con le insegnanti o le persone nuove invece no. Questo modo di comportarsi viene definito mutismo selettivo.
Il mutismo selettivo è un disturbo dovuto all’ansia, il bambino è incapace di parlare. Non è un comportamento che assume consapevolmente, nemmeno lui sa spiegare il motivo per il quale non riesce a spiccicare parola, al massimo annuisce, nega o fa qualche gesto. Molte persone sbagliano l’approccio con il bambino, lo riprendono, cercano di farlo parlare in tutti i modi, ma è controproducente, più si insiste, più diventa ansioso, meno probabilità avrà di parlare. Il giusto atteggiamento sarebbe
mettere il bambino a propio agio, aiutarlo, ma questa strada è difficile da percorrere, è un cammino in salita e pieno di ostacoli.
Sarebbe utile che i bambini con problemi non cambiassero insegnante ogni anno o addirittura più volte l’anno. La stabilità per loro è più importante che per qualsiasi altro bambino. Ogni cambiamento comporta un adattamento che può richiedere mesi e mesi di lavoro da parte di tutti. L’insegnante di sostegno per un bambino con problemi è un punto di riferimento, perchè non si tiene conto di questo?
Si continuano a fare tagli in ambito di scuola pubblica a discapito anche di questi bambini, che invece meriterebbero più rispetto e considerazione.
Se una di quelle persone che stanno ai vertici avesse un bimbo disabile, funzionerebbe ancora così?

Annunci

4 pensieri su “Mutismo selettivo

  1. mammapiky

    Che tenerezza. Chissà forse si centirà anche un pò abbandonato, magari a faticato tanto, per trovare una stabilità, ed ora gliela tolgono. Non so proprio come sia possibile avallare certi comportamenti, eppure è così chiaro che sono sbagliati e incoerenti!!!??? O forse è così solo per la gente comune, perchè a volte, troppe volte, spesso anzi no quasi sempre, chi guarda dall'alto vede tutto attraverso un'altra prospettiva…..ovviamente distorta!!!

    Mi piace

    Rispondi
  2. Moky

    L'insegnante di sotegno viene cambiata ogni anno. E' un problema che hanno tutti i bambini con problemi, con relativo disagio. Non è giusto per niente, dovrebbero avere più considerazione e più stabilità.

    Mi piace

    Rispondi
  3. Pingback: La sfida di Riccardo * Valérie Marschall * A. G. Editions |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...