Il giorno più bello e il giorno più brutto del 2012

Siamo ormai quasi alla fine dell’anno, si tirano le somme, si pensa ormai al nuovo anno che verrà, a cosa ci aspetterà, si fanno progetti e sogni.
In certi momenti però, ci soffermiamo a pensare all’anno che sta ormai giungendo al termine, alle cose belle che ci sono successe e a quelle brutte, che vorremmo dimenticare, ma che magari hanno lasciato un segno indelebile, troppo profondo.
Paradossalmente, se mi metto a pensare, mi vengono in mente soprattutto le giornate brutte, eppure i momenti felici nel 2012 non sono mancati.
Il mio cervello funziona in modo strano e contorto, un modo che fà più male che bene, un modo che di certo non aiuta, anzi, mi deprime.
Per trovare una giornata bella mi sono davvero dovuta sforzare, anche per inserirla in un ordine temporale esatto, perchè è così difficile per me? La vita non sarebbe più facile se rivolgessimo i nostri pensieri alle giornate positive, allegre, tenere, piene di sorrisi? Perchè mi lascio sopraffare dalle negatività che la vita mi presenta immancabilmente?

La giornata più bella è stata a Giugno, in realtà sono stati dei giorni consecutivi, passati tra Lago, Parchi Acquatici, montagna e Leolandia, in compagnia della mia famiglia. Un vero tuor de force del divertimento. C’era il sole, c’era la buona compagnia, il buon cibo e la voglia di ridere, cosa si può avere di più?
Trovare la giornata più brutta è facile, è stata pochi giorni fà, è stata terribile, è stata surreale, è stata una giornata di quelle che restano nei ricordi per sempre, quei ricordi nitidi, senza sfumatere, senza incertezze. Nulla di gravissimo, non pensate malissimo, si risolverà tutto, ma lo schock è stato forte. Per carità, tutto si supera, tutto passa, solo alla morte non c’è rimedio.
A causa di questo fatto, anche il 2013 non inizierà bene, ci sono dei postumi che si trascineranno per diverso tempo.
Cosa mi aspetto dal 2013?
Più salute, più lavoro, più soldi, più serenità, più gioia.
Ho quasi l’impressione che più passano gli anni e più diventa difficile affrontare i problemi della vita, divento più debole, più fragile, più triste.
Cosa vi aspettate dal nuovo anno?

Annunci

4 pensieri su “Il giorno più bello e il giorno più brutto del 2012

  1. mammapiky

    Perché ci ricordiamo con più facilità i momenti brutti rispetto a quelli belli?!?!?! Ecco….questo sarà il mio unico proposito per il 2013, concentrarmi solo sulla felicità….ma anche la serenità sarebbe sufficiente.

    Mi piace

    Rispondi
  2. Moky

    Cavoli!!! Non ho parole. Battaglie simili sono dure da affrontare, da superare, ma l'importante è vincero, giusto, non partecipare come si dice di solito. Anch'io ne ho vinta una di battaglia così, nel 2009, nn al seno. Ogni 6 mesi controlli, per ora tutto negativo. Spero che il 2013 ti riserve solo risultati negativi e mai più recidive. Un abbraccio stritoloso pieno di incoraggiamento e affetto.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...