Sognavo di correre lontano * Ron McLarty * Sperling & Kupfer

Dopo una tranquilla vacanza sul lago, i genitori di Smithy partono per rientrare a casa,  lungo il tragitto hanno un brutto incidente, pochi giorni dopo muoiono a distanza di poche ore.
Smithy si ritrova solo a 43 anni, con un lavoro che odia, una vita vuota che riempie ubriacandosi continuamente e mangiando a dismisura, infatti pesa 126 kg.
Il giorno del funerale, dopo la cerimonia, Smithy guarda la corrispondenza dei suoi genitori e vi trova una lettera spedita dal Dipartimento della Salute della città di Los Angeles, hanno trovato sua sorella Bethany scomparsa molti anni prima.

Smithy, confuso e amareggiato, prende la sua bici e comincia a pedalare.
Inizierà per lui un’avventura senza precedenti, partirà da East Providence, Rhode Island e arriverà a Los Angeles in sella alla sua bici, ben 2964 miglia.
Un percorso di introspezione interiore che gli farà capire molte cose, chi e cosa conta nella vita.
Un libro a mio parere bellissimo, che consiglio di leggere.
Sognavo di correre lontano

Con questo post participo al Venerdì del libro.

divisori
Devi imparare a guardare le persone che adori con occhi diversi: da un punto di vista che non ti appartiene. E’ come se occorresse trasformarsi in un’altra persona, per riuscire ad avere uno sguardo severo: i buoni proteggono sempre le persone che hanno a cuore, anche se ciò significa fingere che tutto vada bene.
divisori
Non ero più una valigia piena zeppa di roba in disordine. Avevo imparato a prendere solo ciò che mi serviva davvero.
divisori
E’ la vita, non si scappa. Dobbiamo andare avanti ed essere forti, e il modo migliore per farlo è contare sugli altri e avere il coraggio di fidarsi di loro.
divisori
A volte penso che ti imbatti per caso nelle persone….e tutto dipende dal modo in cui loro ti rimbalzano addosso.
Annunci

4 pensieri su “Sognavo di correre lontano * Ron McLarty * Sperling & Kupfer

  1. Beat

    Mi hai messo la pulce nell'orecchio!! Bella storia, sviluppata come si deve potrebbe piacermi. Anche perché in questo periodo sto scoprendo che quasi tutti i libri che ho comprato (e che si sono accumulati sul mio comodino negli ultimi mesi) non sono indimenticabili come credevo…

    Mi piace

    Rispondi
  2. Moky

    Io vado sempre in biblio, non potrei permettewrmi di comprarmi tutti i libri che leggo, spenderei un capitale e non avrei posto per riporli.
    Questo è veramente un buon libro.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...