Merenda sana….anche no!

Nella scuola di Miciomao per tre mattine la settimana, lunedì, martedì e venerdì hanno introdotto la “MERENDA SANA”, in questi 3 giorni i bambini possono mangiare yogurt, frutta o verdura e possono bere solo acqua.
Miciomao mangia solo la mela come frutto, ma deve essere sbucciata, non ama la buccia, ovviamente lì nessuno gliela prepara, non sono alla scuola materna dove la cuoca sbucciava la mela a tutti i bambini, quindi ho dovuto scartare l’idea.
Miciomao non mangia nemmeno lo yogurt, non gli piace, non beve nemmeno il latte, ho dovuto scartare anche questa idea.

Miciomao come verdura cruda mangia solo la carota, quindi tre volte la settimana all’intervallo tra un blocco e l’altro per recuperare energie e attenzione mangia una bella carota e nemmeno tanto grande.
So che l’obesità in fantile è un problema in aumento, ma non credo che la merenda sana a scuola lo possa risolvere e non è certo il problema di Miciomao che pesa 17 kg e ha più di 6 anni.
Sembra una bella idea di per sè, introdurre degli alimenti sani, ma non tutti i bambini mangiano queste cose e non è certo una regola imposta dalla scuola che cambierà le loro abitudini, infatti ci sono bambini che pur di mangiare qualcosa di più sostanzioso, nascondono le merendine in tasca e le consumano in bagno lontano dagli occhi delle maestre.
Per me una merenda sana potrebbe anche essere una fettina di torta fatta dalla mamma, un panino con marmellata, dei biscotti fatti in casa, ma vale per me, non per le insegnanti.
Ho parlato con diverse mamme, nessuna è d’accordo con questa idea della “merenda sana”, soprattutto perchè è imposta tre giorni la settimana, ne basterebbe uno o al massimo due, ma hanno tutte paura di parlare e di esporsi e lasciano i bambini senza merenda oppure gliela danno di nascosto.
Personalmente sono successi due episodi che mi hanno lasciato senza parole.
Un giorno ho dato a Miciomao una schiacciatina, non ricordandomi che era il giorno della “merenda sana” e la maestra gli ha proibito di mangiarla e l’ha lasciato senza, quindi dalle 7.30 non ha messo in bocca nulla fino alle 13. Ma ti pare possibile? Non è una barbarie?
Ieri invece ho dato del tè a Miciomao e la maestra gli ha proibito di berlo, lasciandolo senza nulla dalle 7.30 fino alle 13. Nemmeno fosse sotto tortura.
Ecco, va bene la “merenda sana”, va bene educare il bambino a consumare più frutta e verdura, va bene tutto, ma se lasci mio figlio senza cibo e senza bere, allora mi arrabbio sul serio, anche perchè Miciomao è uno scricciolino di bambino e faccio già fatica a farlo mangiare, è raro che mi faccia un pasto completo, quindi non mi sembra proprio il caso di intervenire con divieti simili. Questo atteggiamento della maestra cosa ha insegnato al bambino???
Martedì mio marito andrà dal dirigente scolastico a chiarire questa questione e anche un’altra ancora più assurda che vi scriverò.
E’ vero che non bisogna parlare male degli insegnanti, ma appoggiarli nelle loro scelte e nei loro metodi, ma questa volta dissento.
Voi avete la “merenda sana” nelle vostre scuole?

Advertisements

9 pensieri su “Merenda sana….anche no!

  1. lu v

    Premetto che non siamo ancora in tempo d'asilo con Pisto e che sono perfettamente daccordo che non siano le giornate “merenda sana” a cambiare le abitudini alimentari sbagliate…sarebbe più utile un pò di sana educazione alimentare ai nostri figli e comunque io,fossi in te,sarei andata come una furia dalle maestre che si permettono di “proibire” a mio figlio di mangiare e di bere…ma non esiste!!!!!

    Mi piace

    Rispondi
  2. mammapiky

    Il principio potrebbe essere anche lodevole, e' come lo applicano, estremizzato, ad essere fuori luogo. Qui da noi c'è una regola diversa, a pranzo non sempre c'è un primo piatto, ovvero quando il contorno son patate o legumi, non c'è. E quando c'è, non viene servito il pane.

    Mi piace

    Rispondi
  3. maris

    Da noi all'asilo del monello pranzano alle 12 e non è prevista merenda a metà mattina (ma per il mio monello le maestre sanno chiudono un occhio perchè sanno che vive di fette biscotatte e gliene danno un paio in mattinata); mentre alla scuola primaria della monella all'inizio dell'anno hanno specificato che per l'intervallo delle 10:30 gli alunni possono portare cose non dolci (tipo pane, salatini, fette biscottate, pizzette) o un frutto e per bere solo acqua.
    Come in tutte le cose ovviamente vanno bene le regole quando non sono estremizzate, sono d'accordo con Piky!

    Mi piace

    Rispondi
  4. Drusilla Galelli

    Concordo con mamma Piky, principio buono ma il metodo di applicazione pessimo.
    Ad esempio da noi vietano tutto ciò che contiene cioccolato, anche se si tratta di biscotti fatti in casa. Ma questo mi sembra un buon principio e se proprio preparo i biscotti mi ricordo di non infilare le gocce di cioccolato.
    Io che ho conosciuto personalmente Miciomao posso dirti che fargli mangiare tutti i giorni schiacciatine non gli rovinerebbe di certo la salute, magari mette su un po' di peso visto che è veramente uno scricciolino!
    Poi facci sapere cosa risponde il direttore della scuola.
    un abbraccio

    Mi piace

    Rispondi
  5. Moky

    Il principio si, ma negare cibo e acqua ad un bimbo mi sembra esagerato. Poteva scrivermi due parole sul quaderno, ma lasciarlo mangiare.
    Ma scusa, quanto pagate a pasto??? Magari uno non mangia la pasta e preferisce un pezzo di pane o l'incontrario, preferisce la pasta e non i legumi e le patate. Bisogna dare una scelta più ampia a questi bimbi, altrimenti rischi di pagare e non mangiano nulla.

    Mi piace

    Rispondi
  6. Moky

    Maris, le regole sono fatte per essere rispettate e va bene, ma se io mi sbaglio a mettere la meranda a mio figlio, non puoi lasciarlo senza nulla, poverino!!!

    Mi piace

    Rispondi
  7. Moky

    Drusilla, è vero, tu sai quanto è minuto e che ha bisogno di alimentarsi.
    Pensa che io non gli dò dolci da portare a scuola, perchè la mattina fa già una colazione dolce, quindi compenso con cibi salati, tipo focaccine fatte da me, schiacciatine o cracker e lui le mangia volentieri. Mangia volentieri anche la carota, gli piace davvero molto per fortuna. Domani ci sarà l'incontro, ma conosciamo le idee di chi vive qui, sono un po' chiusi e non pens
    o che servirà a molto.

    Mi piace

    Rispondi
  8. Pingback: Quando il bambino mangia e cresce poco |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...