Chi non paga se la cava!!

Il mercoledì prima dell’inizio della scuola chiamo il segretario del Comune in scuolabus-blucui viviamo e chiedo informazioni riguardanti l’ abbonamento per il trasporto scolastico. L’anno scorso Miciomao per andare e tornare da scuola aveva preso il bus, non è una bus scolastico, ma un bus di linea, di quelli blu grandi, per intenderci, ma del rinnovo dell’abbonamento se ne occupava il Comune perchè dava un’incentivo di € 25 per ogni bimbo. Il segretario mi dice che ci sono in atto dei cambiamenti e che entro sabato mi faranno sapere, gli ricordo che la scuola inizia lunedì. Il giorno dopo mi chiama la sindaco (si dice così?). Il mio cervello entra in allarme. Se mi chiama lei non c’è nulla di buono in previsione.

Il bus è stato soppresso.

I bambini che prendono il bus sono solo sette. Per avere il servizio che comprende una corsa in più nell’orario di uscita degli studenti, il Comune paga alla ditta dei bus bel € 10.500. Ora non sono più disposti a sborsare una tale cifra per così pochi bambini. Presa alla sprovvista dico alla sindaco che il mio problema maggiore è il rientro a casa, ma dato che le cose stan così, ci arrangeremo in qualche modo.

Sospiro di sollievo, il suo. Preoccupazione, la mia.

Vengo a sapere poi che di questi sette bambini pochi pagano il servizio, ne usufruiscono gratuitamente. Più passano i giorni più la nebbia si dirada,  solo noi pagavamo. Pensa te!

In pratica hanno tolto il servizio perchè solo noi pagavamo.

Capisco questo loro provvedimento, ma alla luce di ciò che è successo poi, permettetemi di dire: Cornuti e mazziati!!!! Leggete un po’!

Gli altri sei bambini continuano a prendere il bus per andare a scuola, la corsa di andata è ancora presente. Per il rientro c’è un bus mezz’ora dopo il termine delle lezioni,  arriva fino alla scuola, gira e passa di fronte alle loro case perchè rientra in sede e loro vi salgono. Miciomao non può usufruirne perchè la nostra casa si trova in una laterale.

Insomma, chi non paga ha comunque il servizio garantito perchè nessuno chiede ai bimbi  l’abbonamento e perchè i genitori hanno  la faccia tosta e il coraggio di far usufruire ai loro figli delle corse abusivamente. Tutti sanno, autisti, comune, persone, ma nessuno dice nulla o fa nulla.

Ho espresso il mio disappunto in comune, ma ovviamente, non è servito a niente. Lasciano fare.

Cosa insegna a mio figlio questo?

Cosa insegna a tutti quei bimbi che prendono il bus gratuitamente?

Niente di buono, nè a l’uno, nè agli altri!

Advertisements

7 pensieri su “Chi non paga se la cava!!

  1. Pingback: Per due rotoli di carta igienica | Sempre Mamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...