Archivi categoria: Abbracci

Stai bene o stai male?

Quando uno sta bene lo si vede dalla faccia. Quando uno sta bene, ma bene veramente, ha negli occhi, nel sorriso, quell’espressione che si vede sempre più raramente in giro, ogni giorno di meno, una sorte di pace ritrovata, una tranquillità negli atteggiamenti, una calma nei tratti del viso, una quiete nello scostarsi i capelli dalla fronte, nella risata che è così pura e sincera da far tremare il cuore. E non ci sono più movimenti frenetici, o scatti impulsivi, come di chi sta sempre sull’attenti perchè teme di farsi male ogni tre secondi, ogni due passi. Quando uno sta bene lo si vede in faccia. E chi ti viene vicino se ne accorge, non te lo chiede neanche “come va”. Già lo sa. L’ha già capito.

Quando uno sta male lo si vede dalla faccia. Quando uno sta male, ma male veramente, ha negli occhi, nel viso quell’espressione che si vede sempre più spesso in giro, ogni giorno di più, una sorte di inquietudine, un nervosismo negli atteggiamenti, una distorsione nei tratti del viso, un modo di scostarsi i capelli nervoso, una risata così forzata che ti fa piangere il cuore. Ci sono movimenti frenetici, scatti impulsivi, come chi sta sempre sull’attenti, perchè teme di farsi male ogni tre secondi, ogni tre passi. Quando uno sta male lo si vede in faccia. E chi ti è vicino se ne accorge, non te lo chiede neanche “come va”. Già lo sa. L’ha già capito.
Un abbraccio sarebbe gradito, senza domande, senza cercare risposte, abbracciami e basta.
La prima parte di questa riflessione l’ho trovata nel web.

Ho bisogno di affetto

Ho bisogno d’affetto
per oggi tienimi con te

ho bisogno d’affetto

ho bisogno anche di te

ho bisogno di amore

e di qualcosa che non c’è
Farfallina – Luca Carboni
Oggi ascoltando la radio ho sentito la canzone di Luca Carboni, Farfallina, se la conoscete sapete già di cosa parla, del bisogno di amore, di affetto e così mi sono messa a pensare….

Nella vita abbbiamo bisogni primari, come il mangiare, il dormire, il dissetarsi e bisogni secondari, come ad esempio il bisogno di realizzarsi nel lavoro, nella vita, di essere stimati, il bisogno di sicurezza, ma soprattutto di affetto, di essere amati.
Ognuno di noi aspira ad essere amato, avere delle persone accanto, oltre ai propi genitori, fratelli, insomma parenti vari, che provino affetto per noi. Ognuno di noi vorrebbe trovare nella sua vita almeno un amico sincero, ma non è così semplice.
Per ogni persona è importante essere abbracciata, l’abbraccio ha un che di vivificante, infondo sin dalla nascita bramiamo all’essere cullati, abbracciati, amati, in primis da nostra madre e poi dalle persone che ci circondano.
Voi sentite questa necessità di avere delle braccia che ti si stringono attorno al vostro corpo?

Chiamerò questo spazio Riflessioni in musica, perchè molte volte le parole di una mi canzone fanno riflettere, mi fanno meditare, mi fanno provare emozioni vere!

Leggi anche: Un abbraccio al giorno toglie la malinconia di torno

Un abbraccio al giorno toglie la malinconia di torno, parola di Melinda Schmidt

Dopo essersi trasferita in North Carolina dal piccolo villaggio dove è cresciuta, Melinda Schmidt ha cominciato a soffrire molto la mancanza di amici e familiari e si è lasciata prendere dalla malinconia. Per questo ha deciso di offrirsi una cura molto speciale, abbracciare almeno una persona (rigorosamente sconosciuta) al giorno per il resto dell’anno.
Melinda ha anche anche deciso di scrivere la sua esperienza, condividendo le storie dei suoi memorabili 365 giorni di abbracci e di farne anche un video.
Melinda ama abbracciare soprattutto le persone che hanno una brutta giornata, in loro vede subito un cambiamento ottenuto grazie ai suoi abbracci.
L’abbraccio ormai è diventato il suo stile di vita, non vuole più smettere di abbracciare le persone, questo comportamento ha portato in lei un cambiamento positivo.

Condividi l’amore (e questo video) e fa un giorno qualsiasi un po ‘più felice!

Quante persone hai abbracciato oggi???