Archivi categoria: Tiroide

Toni di voce

A detta degli altri ho un tono di voce alto, troppo alto, stridulo, in certi momenti, non sempre per fortuna. Io non mi percepisco, ma quando riascolto i miei audio di whatsApp, mi accorgo che forse, un dubbio ce l’ho sempre, son proprio così.tono Continua a leggere

Iodio in gravidanza

Dal 18 al 25 Maggio, nei reparti di endocrinologia e ginecologia delle strutture interessate, la brochure informativa e un questionario per la diagnosi precoce.

In gravidanza il fabbisogno di iodio raddoppia: ne servono 100 microgrammi in più al giorno. La sua carenza, causata dal cattivo funzionamento della tiroide fa aumentare i rischi di infertilità, di aborto, di deficit cognitivi nei bambini. È questo il messaggio lanciato dagli endocrinologi in occasione della Giornata mondiale della tiroide, in programma in Italia il 23 Maggio.

«Per prevenire e trattare le forme di ipotiroidismo, che in gestazione aumentano e possono provocare danni alla salute della mamma e del bambino» annuncia Aldo Pinchera, presidente onorario dell’Associazione italiana tiroide «è stato lanciato nei reparti di endocrinologia e ginecologia di oltre 100 ospedali italiani, un Progetto Pilota destinato alle donne che desiderano avere un figlio». Progetto che prevede la verifica del corretto funzionamento della tiroide delle potenziali puerpere e la somministrazione di un questionario finalizzato ad informarle sui possibili gravi danni alla salute che la carenza di iodio può provocare.

«Con questa iniziativa» dice Pinchera «contiamo di incrementare le diagnosi precoce e colmare eventuali carenze di iodio con opportune integrazioni, assicurando in breve un normale decorso della gestazione. È molto meglio» sottolinea l’endocrinologo «non attendere la gravidanza, ma arrivare alla gestazione già con un fisico che non presenta carenze di iodio».

Le donne in età fertile in Italia sono oltre due milioni, quelle che hanno una gravidanza programmata sono 500-600 mila ogni anno. Con questi numeri non è possibile ipotizzare uno screening generalizzato della funzione tiroidea a carico del Servizio sanitario. «Proprio per questo» conclude Pinchera «ci proponiamo, con il progetto pilota, di informare tutte le future mamme sull’importanza di sottoporsi a controllo prima della gestazione».

Aspiranti mamme, attente alla tiroide. I disturbi a questa ghiandola ’jolly’ che regola moltissime funzioni dell’organismo interessano oltre 6 milioni di italiani, colpiscono soprattutto le donne e possono comparire o aggravarsi proprio in gravidanza. Con rischi anche gravi per madre e bebè.

Per l’occasione, nei reparti di endocrinologia e ginecologia di oltre 100 ospedali lungo tutta la Penisola, parte il primo programma sperimentale di prevenzione e cura della ‘tiroide pigra’(ipotiroidismo) dedicato alle future mamme. Dal 18 al 25 maggio, nelle strutture che aderiscono alla Giornata, le donne riceveranno una brochure informativa e un questionario per la diagnosi precoce. L’iniziativa, patrocinata fra gli altri dal ministero della Salute, è promossa da Ait (Associazione italiana tiroide), Ame (Associazione medici endocrinologi), Sie (Società italiana di endocrinologia), insieme al Comitato delle associazioni dei pazienti endocrini (Cape). In Italia – ricordano gli esperti – una donna su 10 soffre di ipotiroidismo, mentre 2 su 100 hanno il problema opposto e cioè la tiroide iperattiva (ipertiroidismo). In particolare, in gravidanza aumenta fino circa a raddoppiare il fabbisogno giornaliero di iodio (ne servono 100 microgrammi in più), elemento chiave per la salute della ghiandola a forma di farfalla che abita alla base del collo.

Fonte: dica33 e  CN

Settimana della Tiroide, dal 16 al 20 Aprile

La tiroide, una piccola ghiandola importantissima per il nostro corpo, sistemata alla base del collo, che produce ormoni responsabili dell’attività di buona parte dell’organismo, sempre più porta problemi, a causa di inquinamento e aumento spropositato di emissioni radio e onde elettromagnetiche di ogni tipo. Ma anche un problema ereditario e ambientale, che si manifesta in determinate aree per via della composizione del terreno intorno.

Il suo malfunzionamento determina insonnia, irritabilità, gonfiore al collo, oscillazioni di peso e soltanto un endocrinologo o un endocrino-chirurgo potranno stabilire se si tratta di problemi alla tiroide o di infiammazioni minori.

La Settimana della Tiroide, in programma da lunedì 16 a venerdì 20, servirà a informare, esaminare ed eventualmente diagnosticare. Perchè moltissime persone non sanno nemmeno di avere un rischio latente di tiroide e solo una visita approfondita potrà metterli all’erta.

In molte zone in tutta Italia, sarà possibile effettuare controlli gratuiti per i problemi alla tiroide, e, se necessario anche una diagnosi e una cura completa in uno dei 100 centri specializzati sparsi su tutto il territorio nazionale. Tutto questo grazie alla quarta edizione della Settimana della tiroide, promossa dal Club delle Uec, Associazione delle Unità di Endocrinochirurgia Italiane, che comprende più di 300 specialisti in tutto il paese.

Per saperne di più sui disturbi della tiroide, guarda QUI

Fino al 20 aprile è attivo il numero verde 800-122910 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18), per chiedere informazioni sul centro più vicino in cui prenotare la visita gratuita completa al collo.

La prevenzione e la diagnosi precoce diventano fondamentali per un trattamento mirato e tempestivo.

Fate questa visita, non vi costa nulla, anzi vi è solo d’aiuto!
Io sono una tiroidectomizzata, ma questa è un’altra storia!