Archivi tag: Dormire

Comitato di Liberazione della Mamma

50 sfumature di mamma in occasione dell’approssimarsi della Festa della Mamma, ha lanciato un’iniziativa molto utile e anch’io voglio dare il mio piccolo contributo.
Lo scopo di questa iniziativa è condividere la propria esperienza da mamma, sia nei lati postivi, che in quelli negativi, per far sentire le neomamme che ci leggeranno meno sole in questo difficile compito, perchè diventare mamma è diverso da come ce la raccontano o ce l’ha raccontato la nostra mamma.

Quando ho partorito il primo figlio ero molto giovane, anche un po’ immatura direi, ero spaventata dal ruolo che andavo a coprire e facevo bene ad esserlo, mi aspettavano anni difficili, per fortuna che non lo sapevo. Durante il parto ho avuto qualche difficoltà, poi superata grazie all’intervento del ginecologo, il vero problema è stata la lacerazione che ha richiesto molti punti e la comparsa di un livido su tutta la coscia. Per più di un mese mi son dovuta sedere su una ciambella, ma questo non era nulla in confronto a quando ho varcato la soglia di casa.
MrD all’ospedale era un bimbo modello, mangiava e dormiva, ma come abbiamo messo il piede in casa ha spalancato gli occhietti e son rimasti chiusi ben poco. MrD dormiva pochissimo, faceva sonni frammentati che duravano pochi minuti, un’oretta al massimo. Io non riuscivo a recuperare per affrontare la giornata con le dovute energie e mi deprimevo sempre più.Siamo arrivati a fare i turni io e mio marito, lui stava sveglio fino alle due di notte, poi mi alzavo io e passavo il mio tempo in cucina con MrD. Lo cullavo fino allo sfinimente, riuscivo a farlo addormentare, correvo a letto, mi mettevo sotto le coperte, ma avevo un’ansia tale che faticavo a prendere sonno, quando mi addormentavo poco dopo lui si svegliava, sembrava lo sentisse. Vivevo in pigiama, non mi vestivo nemmeno più, non mi curavo, non pensavo più a nulla se non a dormire, ero distrutta, piangevo sempre, avevo anche brutti pensieri nei confronti di mio figlio, pensieri che poi mi facevano stare ancora più male di quello che già stavo.
Pian piano il tempo è passato, MrD è cresciuto, siamo riusciti a dormire anche per più ore la notte, poi, quando ha iniziato ad andare alla scuola materna tutto si è sistemato, ma son dovuti passare tre anni per riuscire a dormire una notte intera, tre anni.
Non abbandonate le vostre speranze, prima o poi i vostri bimbi dormiranno da soli, nel loro lettino, nella loro stanzetta. Io ho dovuto aspettare 5 anni per questo, ma è arrivato anche per noi quel momento.
Vi faccio presente che quando ho partorito il mio primo bimbo era il  ’92, quando pc e web erano un mondo lontano e le mamme blogger non esistevano!

Se anche voi volete partecipare a questa iniziativa andate QUI.
Ringrazio Anna, Chiara, Roberta per l’idea.