Archivi tag: Natale

Vita da commessa: ciò che vedi tu non è ciò che vedo io e nemmeno ciò che è in realtà

I giorni più faticosi per una commessa sono questi, l’antivigilia e la vigilia di Natale, i clienti sono alla ricerca sfrenata degli ultimi regali natalizi e solitamente sono molto nervosi, impazienti, insicuri e molto molto stanchi.

La perla di prima mattina è questa:
Signora, questo è un gufo vero?

Buone Feste a tutti voi che mi leggete.

Ricordo insolito di un Natale passato

Stamattina stavo leggendo il post di Eva, e mi è venuto in mente un’esperienza fatta in giovane età.

Ero una ragazzina, con mia mamma, un cugino della mia stessa età e con altre persone che facevano parte di un’associazione di volontariato, siamo andati in un Istituto di bambini speciali, abbiamo partecipato ad una festa di Natale un po’ diversa dal solito.
Tutti i bambini presenti in Istituto, che erano in età scolare, avevano una famiglia alle spalle, (almeno credo), una famiglia che non poteva o non se la sentiva di gestire un bambino con problemi così gravi. I bambini erano per lo più in sedia a rotelle, avevano gravi patologie motorie e cognitive, c’erano anche diversi bambini down.

Ero alle medie, quindi non di certo matura e rimasi molto colpita da tutti questi bambini urlanti, che facevano gesti inconsulti, ripetitivi, che sbavavano, ti fissavano, oppure ti facevano sempre le stesse domande. Un po’ ne avevo paura, lo ammetto, questi bambini erano imprevedibili. Alcuni facevano tenerezza, altri invece si mettevano le mani in bocca e poi mi toccavano il viso, quindi io ne ero schifata.
Ero una ragazzina e mi sono trovata catapultata in una dimensione che non mi apparteneva, in un luogo così diverso dalla mia realtà quotidiana, a contatto con persone che vivevano la loro vita li dentro,  molti di loro erano ospiti fissi, altri erano ospiti diurni.
Ascoltavo i grandi parlare delle difficoltà nel gestire i bambini bisognosi, non solo di attenzioni fisiche, ma bisognosi sopratutto di affetto e loro erano pochi rispetto al numero dei bambini presenti. Ascoltavo, ma non capivo fino infondo ciò che dicevano e le problematiche che avevano.
Durante la giornata mi sono divertita, avevano organizzato dei giochi per i bambini presenti e noi vi abbiamo partecipato. Il clima era festoso e il personale addetto ai bambini era simpatico e disponibile, correvamo per i corridoi rallegrando la giornata a tutti.
Io e mio cugino abbiamo fatto anche una cosa stupidissima, che se ci penso ora mi viene la pelle d’oca. Nell’Istituto era presente un’ascensore, noi  siamo saliti e una volta ll’interno, noi due soli, abbiamo iniziato a saltare fortissimo e l’ascensore si è bloccato a metà corsa, eravamo eccitatissimi e felicissimi di questo, esaltatissimi, poi schiacciavamo i bottoni e l’ascensore ripartiva. L’abbiamo fatto più volte, finchè non ci hanno scoperto. E’ evidente che l’ascensore aveva un problema, ma per noi era meglio di una giostra. Speriamo che nessuno sia rimasto bloccato all’interno dopo che ce ne siamo andati.
Ho un buon ricordo di questa giornata e ringrazio mia mamma per avermela fatta vivere.

Vita da commessa: Non ti sembra presto?

E poi ci son persone che mi cercano i biglietti di Natale al 18 ottobre.
Vabbè portarsi avanti, vabbè essere previdenti, ma non ti sembra un po’ presto?
Quando poi gli ho detto che non li avevo, è rimasto malissimo…

– Ma come non li avete??? Come mai?
Forse perchè siamo a metà Ottobre???

Non ce la posso fare, quest’anno non arriverò sana di mente al 25, giuro.

Vita da commessa, mancano pochi giorni al Natale?

478ea-commessa

#27

Bambina in negozio:
Mamma guarda che bella questa sirena….
Chiedo a Santa Lucia di portarmela!!!!

Per chi non lo sapesse Santa Lucia passa il 13 Dicembre!
O_o

Entra una signora, si rivolge alla figlia più o meno della mia età:
D., guarda che bella cornice, te la regalo per Natale!
O_o

Dlin Dlon:
Si avvisa la gentile clientela che Ferragosto è passato da pochi giorni, è severamente vietato, dato il periodo, nominare il Natale.
Grazie

Buon Natale

Il mio augurio per Natale? 
Che possiate conservare in voi la tenerezza per il passato, che possiate fare scorta di coraggio per il presente, e trovare nel cuore la speranza per il futuro. E il fervido auspicio che ogni calice possa traboccare di benedizioni eterne, e che ogni strada della vostra vita possa condurre alla pace, all’amore e alla serenità.
Tanti auguri a tutti…

 

Vita da commessa : Ma perchè il Natale esiste?

Son giorni frenetici questi, sono giorni impegnativi, sono giorni da incubo, sono giorni che per fortuna vengono solo una volta l’anno.
Sveglia alle 7, trucco e parrucco, una colazione super sana (?), capuccino con brioches scaldata, preparazione dei panini, il meglio che si riesce a mangiare in questi giorni e via, la mia giornata ha inizio.
Prima tappa…ospedale, per ciò che è successo il 13 Dicembre e poi ecco che si inizia a lavorare, ma non in modo normale, no, in modo frenetico, senza sosta, senza riposo, senza nemmeno il tempo per andare in bagno.

Hanno tutti fretta, vogliono essere ascoltati tutti subito e se poco poco ti distrai si lamentano.
Scialla gente, scialla è quasi Natale, dai!!!
Personalmente non vedo l’ora che arrivino le 20.00 di domani, tiro giù la serranda e bastaaaaaaaaaaaaa…fino al 27 non ne voglio più sapere di regali, di pacchetti, di fiocchi, di sacchetti, di confezioni regalo, basta, basta, basta.
Voglio starmene tranquilla senza l’incubo del negozio, andare a trovare con calma il mio grande cucciolo senza dover guardare l’orologio, voglio stare con Miciomao che in questi giorni ho visto pochi minuti al giorno, anche se sò che poi mi farà un po’ dannare proprio per il poco tempo che gli ho dedicato.
In questi giorni ho passato ore intere a dire a tutti “Buon Natale”, “Buone Feste” e loro di rimando “Anche a lei”, ma le mie feste non saranno nè buone, nè belle, nè serene, per niente, nel mio cuore ho un grande pensiero e finchè tutto questo non passerà, non potrò andare a letto con il cuore leggero.

Auguri a tutti voi un

My xmas wish list ovvero i miei desideri natalizi

Sin da piccolina ho sognato di essere una strega, non una fatina, una strega, avere la possibilità quindi, di  poter fare magie, ma anche realizzare desideri, magari con metodi poco ortodossi, con pozioni magiche, o cose simili, ma l’importante è realizzarli, o no?? Infondo, quando si sogna, si sogna in grande!!! Se state pensando perchè non mi rivolgo a Babbo Natale, è perchè in questo periodo è troppo impegnato, quindi meglio esaudirseli da soli i desideri.

In questo periodo mi è ritornato lo stesso desiderio, innanzitutto vorrei far tornare indietro il tempo a prima del 13 Dicembre, la sera prima, per dire delle cose che non ho detto ed è successo poi, quello che è successo e adesso ne paghiamo tutti le conseguenze. Un pensiero un po’ criptico, ma se leggete il post di giovedì e cercate nelle parole trovate la risposta. Una volta esaudito questo desiderio, mi dedico alle cose materiali, veniali, inutili, ma che mi piacerebbe avere. Ecco qui di seguito la mia wish list in immagini, così rendo meglio l’idea:

Vorrei fare un viaggio in USA, almeno 20 giorni, con la mia famiglia, tutti e quattro. Lasciarci alle spalle tutto, tutto, tutto.  Visitare tutti i parchi a tema possibili e immaginabili, salire su tutte le montagne russe esistenti, passare qualche giorno in spiaggia, facendo il bagno nell’oceano, mangiare i muffins americani che sono grandi come una nostra torta.

Il FashionNote di Ergo impreziosito da 1.444 cristalli Swarovsky.

Mi piacerebbe avere questo letto e questi comodini, mi piacciono moltissimo e sarebbero perfetti nella mia stanza.

Un abbonamento per almeno 10 massaggi per una “rimise en forme”.

Una scatola con dentro un po’ di questi, perchè così quando vedo qualcosa me lo posso comprare, senza sentirmi sempre in colpa!!!

Se qualcuno volesse realizzare questi miei semplicissimi desideri può tranquillamente farlo!!!
Se qualcun altro vuole scrivere la sua Xmas Wish List e vuole prendere in prestito il bannerino con Babbo Natale e gli Elfi, faccia pure.