Perdersi

Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant’anni, sente di avercela finalmente fatta.

Dopo anni di studio, di notti in bianco e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna a Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c’è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo.
All’improvviso, però, tutto cambia. All’inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara fin da bambina. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa.

Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d’ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticata una forma presenile di Alzheimer, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi. E anche la sua famiglia, che l’aveva sempre considerata un pilastro indistruttibile, perde ogni certezza e fatica ad accettare la nuova Alice, che in certi momenti è quella di sempre, ma che in altri sembra una sconosciuta, fragile e indifesa. Insieme dovranno affrontare il dolore. Insieme si scopriranno diversi e impareranno ad amarsi in un modo nuovo.

Fonte: booksworld

Ho letto questo libro, preso in biblioteca. Mi ha commosso, ma anche

Esiste una forma di demenza di Alzheimer rara (3%) che colpisce una fascia di età compresa fra i 30 e i 55 anni, in cui si presenta l’aumento di una proteina killer nel sangue, la proteina beta amiloide 42; questa proteina è presente ad un dosaggio aumentato anche nei familiari. Anche in questo caso si è supposta l’ipotesi genetica. Inoltre, esiste una mutazione genetica collegata allo sviluppo di questa demenza, cioè la variante del gene APOE E4. Le persone con questa predisposizione genetica, manifestano sin da giovani deficit di memoria. E’ possibile fare una diagnosi precoce di elevato rischio di ammalarsi di Alzheimer sottoponendo queste persone alla Risonanza Nucleare Magnetica, mentre gli viene chiesta di ricordare una lista di nomi (test di stress mentale): si ha un’alterazione di segnale alla risonanza. Sono in corso lavori per perfezionare test di stress mentale come strumenti di diagnosi precoci.

In più della metà dei casi di Alzheimer prima dei 60 anni viene posta inizialmente una diagnosi scorretta, perchè i soggetti non sembrano evidenziare problemi di memoria.

I sintomi comprendono: disturbi del comportamento, del linguaggio e della visione, uniti a un declino delle funzioni esecutive, difficoltà a pronunciare nomi di persone o cose, si perde la memoria di percorsi noti, non riconosce la destra dalla sinistra, difficoltà a riconoscere gli oggetti.Tutte queste difficolta portano alla depressione e/o irritabilità, ansia, difficoltà all’addormentamento.

Si perde l’interesse e la capacità di accudire se stessi, diventa progressivamente più difficile l’esecuzione degli atti più semplici della vita quotidiana quali lavarsi, vestirsi, mangiare, l’igiene personale e le funzioni escretorie. Possono insorgere dei comportamenti aggressivi con deliri e allucinazioni. E’ una situazione estremamente penosa per i familiari.

Una malattia difficile da diagnosticare in persone giovani e difficile da gestire e accettare.

Fonte: QUI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...