Il libro di Maria Rosa Perchè volere è potere – Paola Lazzarotto

Ho letto questo libro tutto d’un fiato, emozionandomi e devo ammetterlo ho anche pianto. Io lo consiglio caldamente, è una storia di vita vera, di vita vissuta con entusiamo e forza, una forza che viene dal cuore, una forza che viene dall’amore per la vita.
È la storia di una famiglia allegra e aperta, che ha saputo trasformare la prova di una figlia gravemente disabile, poi mancata a soli vent’anni, in fonte di vita, di speranza e di gioia per gli altri. La notizia che la bimba appena partorita aveva dei problemi, è stata data a Maria Rosa in modo crudo, senza tanti giri di parole…”Sua figlia ha un handicap gravissimo. E non sarà MAI normale”. Nessuna spiegazione, nessuna mano sulla spalla, nulla di tutto ciò, una sentenza e nulla di più. Maria Rosa, invece di chiudersi in casa dopo la nascita della figlia Licia, ha scelto di aprire le porte, di diventare trasparente nelle emozioni e nelle scelte e di fare continue battaglie pubbliche per i diritti dei disabili, interessandosi a tutti, aiutando gli altri secondo la sua certezza incrollabile: “Volere è potere!”.
Dopo aver perso nell’ottobre 2010 Licia, l’adorata figlia disabile, Maria Rosa ha ricevuto in una diagnosi di tumore avanzato incurabile, lasciando nel gennaio di quest’anno la madre Carla, il padre Mario, suo marito Alberto, il figlio Nicola e le sorelle Cristina, Rosanna e Margherita. Una malattia vissuta con coraggio e accogliendo in casa amici e parenti sempre con un sorriso, una parola di conforto.
Ciò che è chiaramente emerso durante la presentazione del libro che Maria Rosa ha voluto letteralmente dettare nel corso dei suoi ultimi giorni alla scrittrice Paola Lazzarotto è la continuità di un atteggiamento nei confronti della vita e del mondo con cui la giovane madre ha riempito di senso non solo la propria, ma anche le esistenze di chi ha avuto la fortuna di incontrarla, in primis i membri della sua famiglia.

Nel libro c’è una poesia di Maria Rosa dedicata alla figlia Licia, si trova sulla tomba:
Mi hai insegnato cos’è la pazienza
il saper attendere senza ansia
senza grandi aspettative
giorno per giorno
gustando piccoli momenti
Sorrisi
sguardi colmi d’amore
I tuoi gesti lenti
l’impegno e la fatica
di un semplice moviemnto…
Non potrei immaginarti diversa
Tu sei tu
così come sei
Il tuo corpo danza
Le tue manine dalle movenze particolari
e le buffe espressioni
che adoro
Una piccola grande donna
Tu sei perfetta così
Non ti vorrei diversa
Ciò che vorrei cambiare
è solo il mondo che ci gira intorno
che continua ad avere troppa fretta
che non si sofferma
che non sa capire altri linguaggi
che non sa vedere oltre.

In Facebook c’è una pagina dedicata a Il libro di Maria Rosa
Per acquistare il libro è possibile rivolgersi alla sorella di Maria Rosa, Cristina Favini:

338/974.38.52
cristinafavini@libero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...