Se manca l’istinto materno è colpa di un gene

L’altra sera ero a cena da conoscenti. Si parlava del più e del meno, poi il discorso è caduto sull’avere bambini.
Una ragzza, non più giovanissima, ha detto che lei non ha istinto materno, a lei i bambini non piacciono, non ne vuole avere e soprattutto che i bambini, soprattutto quelli piccoli…puzzano!!!
Io sono rimasta allibita. Io che già all’età di ventanni desideravo diventare madre, sentire che una donna pensa queste cose, mi sconcerta. Non mi capacito che una donna non possa avere istinto materno. Come si fa a dire poi che i bambini puzzano di latte??
Oggi però girovagando nel web ho letto una notizia, che forse spiega questa repulsione nei confronti dei bambini….forse.
La notizia è la seguente:
E’ stato scoperto il gene che azzera l’istinto materno. Identificato nei topi, il gene si chiama Er alpha ed e’ attivo nell’area del cervello che controlla anche l’aggressivita’ e la sessualita’. La scoperta si deve a uno studio coordinato da Ana Ribeiro della Rockefeller University (New York). Gli esperimenti, condotti sui topi, hanno mostrato invece che quando questi cellule venivano ridotte in alcuni soggetti, essi trascorrevano meno tempo a prendersi cura dei loro piccoli. Il risultato secondo gli esperti costituisce un esempio unico di come manipolando un singolo gene in un gruppo specifico di cellule cerebrali si riescono a controllare il comportamento biologico della madre legato alla protezione, al nutrimento e all’educazione dei figli.

L’istinto materno è una delle caratteristiche dell’essere genitori, ma come tanti aspetti della natura umana, anch’esso dipende da un fattore genetico.

Letto questo, non mi conforta sapere che ci sono donne che a causa di un gene non provano ciò che per natura sarebbe giusto provare. Mi dispiace per loro, non possono sapere cosa significa desiderare, con ogni fibra del propio corpo, con ogni molecole che ci compone, di essere madre.
Io lo so, per fortuna ho potuto appagare questo istinto materno, così prorompente in me, grazie alla nascita dei miei figli.

Annunci

46 pensieri su “Se manca l’istinto materno è colpa di un gene

  1. mammapiky

    Non mi piacciono questi studi, ok la ricerca ma a volte si va oltre. Si cerca di spiegare quello che dovrebbe rimanere il magico mistero della natura e, quasi sempre, con la spiegazione, arriva anche la manipolazione. L'istinto materno magari non ce l'abbiamo tutte ma a me piace pensare che sia governato solo dall'amore e non da un gene. Grazie per il bel post e per lo spunto di riflessione. :-))))

    Mi piace

    Rispondi
  2. Moky

    Anch'io penso che l'istinto materno sia governato dall'amore, ma se una persona non ce l'ha è estremamente egoista, è rivolta solo verso se stessa. Se sei aperto al mondo, sei aperto alla vita.

    Mi piace

    Rispondi
  3. Anonimo

    La prossima settimana compirò 33 anni. Non penso che i bambini “puzzino di latte” o altre stupidaggini del genere, ma al momento non ho nessun desiderio di avere figli. Non mi sento un mostro per questo però. Non credo neppure di essere “egoista”, faccio altre cose per il mio prossimo ma non voglio essere madre. Magari cambierò idea un domani (ho ancora un po' di anni per farlo), magari non la cambierò mai. Rispetto chi fa scelte diverse ma mi piacerebbe essere rispettata a mia volta. Non mi va neppure di essere compatita, che gli altri pensino “poverina” o “ha un gene malato”. Il fatto di appartenere al genere “donna” non vuol dire niente: ogni individuo è unico, con le proprie caratteristiche. L'unica cosa triste, credo, sarebbe avere un figlio non perchè io lo desidero ma perché la società si aspetta che io lo abbia….in fin dei conti, che gli altri pensino quello che vogliono, la mia vita è solo mia.

    Mi piace

    Rispondi
  4. Moky

    Grazie per avere lasciato un tuo commento, lo trovo molto sensato e lo rispetto. E' solo che non riesco a capire come una donna non possa desiderare di diventare madre, probabilmente è un mio limite. Credo cmq che ci sia un percorso diverso per ognuna di noi, destini diversi, ma non per questo peggiori, anzi!!!

    Mi piace

    Rispondi
  5. Anonimo

    Condivido pienamente la tua ultima frase… rispondendo alla prima perché probabilmente la nostra identità non è definita solo dall'essere uomo/donna. Leggevo oggi uno stralcio di un'intervista a Margherita Hack, la grande (anche a livello umano) astrofisica. A un giornalista che le chiedeva se si è mai pentita di non aver avuto figli rispondeva che no, assolutamente non se n'era mai pentita: “ci sono persone portate per la maternità,altre no. Io non mi sentivo portata”. Ma nonostante ciò dichiara di aver avuto una vita felicissima.
    Allo stesso modo io finora non mi sono mai sentita “portata”. A 20 anni tu sognavi di fare la mamma, io unicamente di fare il magistrato, ma non per questo – come giustamente tu dici – il mio percorso è stato peggiore o migliore del tuo. Ci sono tanti sogni quanti sono i modi di essere, di essere donna, di essere uomo. Comunque, se mai i miei figli verranno ad esistenza sarà solo perché sono stati fortemente desiderati e amati, ancor prima di essere concepiti…sennò, beh vorrà dire che sarà stato meglio così, per tutti. Grazie per il pacato confronto. Un saluto e auguri di una vita felicissima a te e alla tua famiglia! Anna

    Mi piace

    Rispondi
  6. Moky

    Bellissima la frase che hai scritto: “perché sono stati fortemente desiderati e amati, ancor prima di essere concepiti”. Denota una sensibilità enorme. Grazie x essere passata!!!

    Mi piace

    Rispondi
  7. Ipernova

    “Letto questo, non mi conforta sapere che ci sono donne che a causa di un gene non provano ciò che per natura sarebbe giusto provare.” per natura il tuo compagno dovrebbe andare ad inseminare ogni femmina “in calore” che trova. Per natura, inoltre, si sarebbe dovuto battere con un altro maschio per il diritto ad ingravidarti. Non diciamo fesserie, per piacere. Tu provi il tuo tanto amato istinto materno, altre no. Cosa te ne frega a te? che poi questa dei geni è tutta una gran balla. Se sei così felice ed appagata della tua vita con figli, che bisogno hai di andare a scavare in quella di chi ha scelto di non procreare? fatti gli affari tuoi, visto che non concepisci nemmeno l'idea che figliare non sia obbligatorio secondo nessuna legge, nemmeno quella della natura.

    Mi piace

    Rispondi
  8. Ipernova

    Ah giusto, niente toni astiosi…però tu puoi liberamente giudicare e puntare il dito dicendo che chi non ha istinto materno è solo un'egoista che non sa cosa sia l'amore…onestamente? Meglio il livore della faccia di bronzo di chi fa tante moine, ma poi si permette di sparare sentenze e cattiverie. Bell'esempio di mente aperta che darai ai tuoi figli. Inoltre le notizie, per amor di cronaca, si riportano complete, non solo gli stralci che piacciono a noi per ribadire dei concetti che danno man forte solo al nostro punto di vista. “Se sei aperto al mondo, sei aperto alla vita” belle parole, ma direi che ti sfugge il VERO senso, visto quello che ti permetti di scrivere nei riguardi di persone che hanno solo fatto scelte diverse dalle tue.

    Mi piace

    Rispondi
  9. Gig

    Ti prego, non dispiacerti per me, che ho 47 anni e sono senza figli.
    Non ne ho avuti per scelta, perchè i bambini non mi piacciono. Concordo sul fatto che da piccoli puzzano e sono dei gran rompiballe.
    Sono sempre stata talmente convinta di non volerne che ho dovuto lasciare due uomini, che al contrario di me sentivano l'impellente bisogno di riprodursi, piuttosto che ridurmi a figliare. Del resto, il dolore di un amore troncato passa, i pannolini restano… quindi nessun rimpianto.
    Loro si, che sono tornati a cercarmi, ma ormai erano sposati e con prole e li ho rispediti immediamente dalle famiglie che si erano pentiti di avere formato.

    Non addolorarti perchè vivo su una frequenza differente.
    Non addolorarti se anzichè ad un figlio non desiderato dono amore a sconosciuti ed animali, attraverso il volontariato.
    Non addolorarti se ho il tempo per me, per lavorare, per studiare, viaggiare, conoscere, leggere ed essere libera.

    Non addolorarti perchè io non ti invidio.
    Per niente.

    Mi piace

    Rispondi
  10. Moky

    Se leggi le mie parole io non ho affatto scritto che chi non vuole un bimbo è egoista, non so dove tu l'abbia letto e non ho sparato cattiverie.
    ognuno ha diritto di pensarla come crede, io non farò cambiare idea a te perchè non mi interessa e non è giusto e quindi…cosa vuoi???? Cosa te ne frega della mia opinione? Nemmeno ci conosciamo!!!!

    Mi piace

    Rispondi
  11. Gig

    “Anch'io penso che l'istinto materno sia governato dall'amore, ma se una persona non ce l'ha è estremamente egoista, è rivolta solo verso se stessa. Se sei aperto al mondo, sei aperto alla vita.”

    Fai bene a non invidiarti. Chi giudica una donna estremamente egoista e rivolta sono verso se stessa perchè non vuole figli è talmente gretta e meschina che non ha nulla di invidiabile.

    Mi piace

    Rispondi
  12. Gig

    L'ha letto sopra. Non riconosci neppure i tuoi stessi commenti?

    “Anch'io penso che l'istinto materno sia governato dall'amore, ma se una persona non ce l'ha è estremamente egoista, è rivolta solo verso se stessa. Se sei aperto al mondo, sei aperto alla vita.”

    Soono parole tue.

    Mi piace

    Rispondi
  13. Moky

    Oh, hai ragione mi era sfuggito….se l'ho scritto vuol dire che lo pensavo!!!
    Grazie per avermi scritto che sono gretta e meschina, mi mancava!!
    Cmq quest post l'ho scritto il 18 Settembre 2012…direi che è passato un po' di tempo.
    Cmq smettila di accanirti tanto e piantala di rompere i maroni a casa mia, aria, fuori, anda…non sei la benvenuta!!!

    Mi piace

    Rispondi
  14. Gig

    Va bene. Se ti va di scrivere qualcosa, negarlo subito dopo, fingere di non riconoscerti neppure se quotata con le tue stesse parole, padronissima di farlo.
    Però concedi agli altri di trovare la cosa assolutamente insensata.
    E stai usando un tono astioso, lo stesso che imputi a Ipernova.
    Sempre per coerenza, of course.
    Ti arroghi il diritto di giudicare e ti secca se una donna con opinioni differenti dalle tue lo trova fastidioso.
    Ma no, tu hai sempre ragione.
    Come vuoi.
    Buona serata

    Mi piace

    Rispondi
  15. Gig

    ahahaha, chi non incensa la maternità e ti contraddice ti fa infuriare.
    La maternità ti ha resa serena.
    Si vede.
    Comunque tranquilla, visto che non ce la fai a sosnere le tue opioni in modo civile mi defilo e buona serata.

    Mi piace

    Rispondi
  16. Francesca

    Ti rispondo anch'io Gig. Non penso tu sia egoista perché non hai voluto figli, è una tua scelta ed ognuno è libero di fare le proprie scelte nella vita. Trovo pero' ingiusto e repugnante quando usi simili parole nei confronti dei bambini. Se non vuoi avere bimbi bene ma non devi permetterti di dare alcune definizioni ai nostri angeli speciali. Ti scrive una mamma che ha un bimbo di 2 anni e 10 mesi che adoro e una bimba che purtroppo dopo 40 gg di vita non ce l'ha fatta e ci ha lasciati, noi genitori che l'abbiamo amata fin dal primo minuto e abbiamo sperato con tutte le nostre forze ce la facesse.
    Per caso la tua cacca e la tua pipì sanno di rose e gigli?!?Cambiare i pannolini a tuo figlio ti fa a volte storcere il naso ma è comunque meraviglioso tenerlo pulito e rivestirlo!!! L'hai mai provato per dirlo con così tanta sicurezza??
    Anch'io viaggio, sono realizzata nel lavoro, leggo, esco e frequentò amici anche se non ho amici avvocati o magistrati come avrai tu dato che sei magistrato.
    Sei capitata in un mondo di mamme blogger, pensavi di poter parlare così senza suscitare i toni della proprietaria di questo blog? Ti assicuro che è una bella persona, che lavora tanto e fa di tutto per i suoi figli ed è stata anche brava a risponderti in modo così pacato.
    Aspetto tuo commento. Francesca

    Mi piace

    Rispondi
  17. Gig

    Gentile Francesca, immagino sia fastidioso per te e altre mamme sentire definire il proprio bambino “mostricciattolo urlate e puzzoso”. Lo è sicuramente.
    Lo è altrettanto per noi childfree (chi sceglie liberamente di non riprodursi) sentirsi tacciare invariabilmente di aridità ed egoismo, giusto per citare due delle caratteristiche più gentili. Molti arrivano a pesantissimi insulti.
    Che sia o meno un gene a non farci provare il desiderio di maternità poco importa.
    Siamo persone, donne prima di tutto e come tali andiamo rispettate, indipendentemente dalle nostre scelte.
    Le nostre non danneggiano nessuno, a differenza di tanti genitori maleducati che impongono i loro figli strillanti in tenera età anche nei luoghi dove i bambini sono, senza dubbio, solo un'inutile seccatura.
    Ho cambiato pochi pannolini nella mia vita e mi rendo perfettamente conto che ci si può abituare, infatti cambio la lettiera della mia gatta senza batter ciglio. Ma la differenza è che nei confronti dei gatti provo amore, in quelli dei bambini fastidio.
    Con questo, non vado in giro con la katana per provocare stragi di innocenti, prima che travisiate completamente il senso delle mie parole: semplicemente non ne ho voluti.
    Mai, a costo di rinunciare all'amore.

    Infine: non sono un magistrato ma una portalettere. Quindi non è per ambizioni di carriera che non ne ho voluti, ma per semplice, banale, fisico RIFIUTO.
    Buona domenica.

    Mi piace

    Rispondi
  18. manuela fontana

    ma chi ti credi di essere? rimani sconcertata perchè a una ragazza non piacciono i bambini? il gene? ti dispiace moltissimo? io rimango stupita dalla tua chiusura di mente. io non ho istinto materno. ma vivo la mia vita e la riempio forse anche più della tua. ognuno fa le sue scelte. ed ognuno va rispettato. anche se non capisco come si possa essere soddisfatti facendo la vita che fanno miliardi di mamme ho rispetto per loro. non tollero però quando si critica chi fa scelte diverse e che addirittura si provi sconcerto.tu non vali più di una donna che non ha il minimo istinto materno. non dimenticarlo mai. ciao.

    Mi piace

    Rispondi
  19. Laura

    Concordo con quanto dice manuela fontana, Gig e con chi ritiene che questo post mostri una notevole chiusura mentale da parte dell'autrice.

    indipendentemente che ad influire sul volere o no figli sia la presenza o meno di un gene,
    indipendentemente dal fatto che le donne che vogliono figli magari sono state spinte da una sorta di dovere morale a procreare (fin da bambine siamo educate con l'idea di esser mamme un giorno…),
    indipendentemente da tutta l'ipocrisia che c'è in giro (quante mamme pentite e papà pentiti di aver fatto una famiglia ci sono? tanti. E spesso sono quelli che li han fatti “perchè ci vogliono”)
    Ognuno fa le sue scelte.

    Quale vita è migliore di un'altra?
    Allora chi procrea è automaticamente altruista?
    basta la procreazione per rendere una persona altruista? Dai,è un pensiero banale e limitato.

    una donna che non mi crea è arida egoista e carrierista? Pensiero banale,sciocco,offensivo.

    Io mi aggiro sui 30, per ora non voglio figli,eppure le matrone (donne in là con gli anni) e giovani che non vedoni l'ora di vestirlo coi tutù (parole loro) già mi romponi da qualche anno che mi devo affrettare, se sono gonfia “ah ma sei incinta?”…… Ecc.
    Mi hanno già rotto e mi vien voglia non dire no definitivo all'idea di fare un figlio solo perchè mi hanno rorro e noin voglio dar loro la soddisfazione di andare in giro a blaterare che “ecco…..tutte vogliono bimbi visto?”,
    seguito da un miserabile “ora ci vuole il secondo…”

    Mi piace

    Rispondi
  20. Elena

    Condivido in pieno quello che dice Ipernova. Sono anch'io childrenfree, malgrado sia cresciuta in una società che fin da bambina ti scassa le ovaie con la maternità come cosa inevitabile (e anche l'eterosessualità, ma questo è un altro discorso). Non so se dipende da un gene se non ho l'istinto materno, ma se è così ringrazio che non ci sia questo gene! Come ringrazio il presunto gene dell'omosessualità di essere lesbica. Voi mammine e voi etero volete che tutta la gente sia come voi, faccia figli a raffica (con che soldi poi li mantieni che siamo tutti disoccupati o precari?) e faccia sesso solo con esponenti del sesso opposto, non riuscite a pensare che ci sono mille altri stili di vita, molto più belli e gratificanti.

    Mi piace

    Rispondi
  21. Elena

    Standing ovation per Gig!!!!
    Io sono felicissima di non avere avuto figli e di essere arrivata a 45 anni childrenfree. Perché invece di un figlio ho una laurea, conosco tre lingue, ho viaggiato, ho fatto tanti lavori più o meno interessanti, mi sono rimessa poi a studiare, scrivo, e passo il mio tempo per musei, eventi culturali e facendo volontariato e non struggendomi per la libertà che ho perso.

    Mi piace

    Rispondi
  22. Mirella

    Chiedo venia ma per motivi di copia-incolla sbagliato (non riportava alcune correzioni ed aggiunte) ho cancellato e ri-postato il commento.
    Pardon… 🙂
    ***
    Mi sono imbattuta con piacere in questo blog… e mi permetto di aggiungere i miei 5cent di punto di vista.

    Non sto a sindacare chi reputa egoiste le donne che non vogliono figli né le childfree che si ribellano a tale “stigma”… per una semplicissima ragione: anche se le childfree fossero egoiste, saranno ben libere di esserlo, no?
    State tranquille, care mamme, che il nostro egoismo child-free non minaccia in alcun modo la vostra maternità (a meno che non pretendiate di imporci di farvi da babysitter… lì effettivamente avrei qualche timore, al posto vostro) ma soprattutto, care child-free, non risentitevi del sentirvi dare delle egoiste, carrieriste e via accusando: essere egoiste non è un reato, voler fare carriera è vostro diritto, quindi che vi costa rispondere “Ebbene sì, sono egoista… me ne vanto e non devo dar conto a nessuno” ?

    Gentilissima Moky, mi permetta di farle notare che un qualcosa si desidera “con tutto il proprio essere” se la si considera desiderabile, mentre se la si vede come indesiderabile (quale che ne sia la ragione) la si eviterà come la peste… non le pare?
    Prendo spunto da quanto ho letto in questa pagina per essere più precisa: va da sé che gli “odori fisiologici” citati in vari messaggi non siano certo rose e garofani, ma si può essere disposti a tollerarli da parte di X e non da parte di Y, appunto perché X ai nostri occhi ha un valore mentre Y non ne ha alcuno… e nulla vieta che X possa essere un gatto mentre Y un bambino.

    “Ma come (urleranno a questo punto le mamme o quantomeno le child-friend) si può preferire un gatto a un bambino?”.
    Sì, care signore, se si è childfree si può e spesso si preferisce un gatto, senza alcun senso di “mancanza di qualcosa” e tantomeno ritenersi in colpa perché si è egoiste.

    Leggo che è stato scoperto un gene che inibisce il senso materno.
    Per carità, se è così lungi da me il negare la scoperta degli scienziati in questione, anzi me ne rallegro seco loro… ma personalmente, lo dico per onestà intellettuale, credo che il non-senso materno dei childfree abbia una radice squisitamente individuale che di nome fa “voglio conservare intatta la libertà di fare i miei comodi senza intralci” e di cognome “non sacrifico i suddetti comodi per un figlio di cui non me ne può importare di meno”.

    A questo punto molte di voi diranno “parli così perché non sei madre”.
    Rispondo a queste pie signore che è molto, molto meglio che io – e non soltanto io – non lo sia, perché non esistono periodi di prova nella maternità e tantomeno la possibilità di rispedire al mittente il pargolo… con il conseguente rischio che, se il famigerato istinto materno non mi fosse sorto come Venere dalle acque o peggio avessi sbroccato di testa, il tenero virgulto avrebbe potuto farsi una vacanza di probabile sola andata in un cassonetto.

    Ovviamente parlo per ipotesi scolastica, visto che per fortuna esiste una certa legge 194/78… 😀

    Mi spiace per la crudezza ed il cinismo, ma ritengo che la sincerità assoluta sia la via migliore per evitare equivoci.
    Spero che almeno si apprezzi la franchezza.

    Cordialmente
    Mirella

    Mi piace

    Rispondi
  23. Laura

    io ho apprezzato la tua chiarezza.
    sinceramente non so cosa ne farò della mia vita (e sinceramente saranno ben fatti miei ,cosa che purtroppo le persone non capiscono ,soprattutto le donne si sentono in dovere di venirmi a ripetere “e tu quando ??Ah ma dai sbrigati che poi sei vecchia!”),
    però già da ora sono stanca di sentire tutti questi pregiudizi che puntualmente riguardano solo le donne .
    già vivo con questo masso addosso che se non mi sciolgo di fronte a un neonato e non dico che anche io non vedo l'ora di diventare mamma di un bebè (altro paradosso: non si contempla mai che il bebè cresce) ecco che sono strana…
    che poi se ne facessi uno inizierebbe rompere che devo fare il secondo e se ne faccio due e sono dello stesso sesso rompono che devo fare il terzo per provare ad averne uno di sesso diverso…
    non è giusto .
    non è giusto che le donne siano costantemente “perseguitate” da pregiudizi.

    Mi piace

    Rispondi
  24. Unknown

    Appunto. Penso a donne come Madre Teresa..quanti figli ha avuto/cercato? Ah già… non era aperta al mondo ed era egoista. Sarà… forse. Di certo tu sei ignorante e presuntusa.

    Mi piace

    Rispondi
  25. Unknown

    Scusate ma…ancora state a risponderle? Avete letto COME scrive e non solo COSA? Questa è una povera donnina patetica che si sente realizzata solo perché ha dato libero sfogo alle sue ovaie. Non merita risponderle, dice nega e poi si nasconde dietro a un “non.ci.conosciamo nemmeno”. Dai ragazzi, non fatele perdere tempo, lasciatela andare, che deve badare ai suoi figli. Senza i quali non saprebbe nemmeno perché è su sta Terra!

    Mi piace

    Rispondi
  26. Unknown

    “A casa mia…” meno male che tu sai amare e sei aperta al mondo. Sei una persona di quelle che, se mai avrò un figlio, gli insegnerò a evitare. Dovresti ringraziare Gig. È stata molto clemente con te.

    Mi piace

    Rispondi
  27. Mirella

    Gentile sig.ra Francesca, chi non vuole figli è stata definita “egoista” e via discorrendo, pertanto se le madri si arrogano il diritto di dare delle definizioni a noi childfree non hanno poi alcuna facoltà di lagnarsi se tali definizioni vengono ricambiate. Pari diritti.
    Lei può offendersi per le definizioni che vengono date ai “vostri angeli speciali” e non potrebbe irritarsi una childfree ai vostri epiteti?
    Troppo comodo, spiacente… pertanto al fatto che puzzino (detto da Gig) aggiungo i miei 5 cent nel dire che le loro urla e capricci fanno desiderare che rotolino per una scala e si sfascino con la faccia in terra (almeno urleranno per una buona ragione e con gran soddisfazione di chi se li è dovuti sorbire nelle orecchie).
    La meraviglia del tenerli puliti, rivestirli, crescerli eccetera è tale per chi li ha voluti e non sta scritto da nessuna parte che sia automaticamente condivisibile: c'è chi lo trova meraviglioso e chi ributtante.
    Tanto difficile da capire?

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...