Allattamento al seno, al via la compagna per promuoverlo.

Questa settimana è dedicata a promuovere l’allattamento al seno, infatti in questi giorni diversi consultori organizzeranno degli incontri per sensibilizzare noi mamme sull’importanza dell’allattare al seno, soprattutto nei primi sei mesi di vita. Allattare un bimbo al seno è vantaggioso sia per il bambino che per noi, se volete sapere in modo esauriente quali sono questi vantaggi, leggete QUI.
Prima di partorire leggiamo libri su libri, ci documentiamo in internet, tutto sembra facile, spontaneo, ma quando ti ritrovi fra le braccia quell’esserino così piccolo, che urla ogni momento, capisci che stabilire un ritmo, dare degli orari, non cedere alle continue richieste, come avevi letto…non è così facile, anzi è difficilissimo.
Sai che allattare è importantissimo, crea un legame, è meraviglioso, ma non sempre è questo idillio. Quando siamo all’ospedale abbiamo le infermiere che ci aiutano, che ci spiegano, ma quando siamo a casa sembra che non funzioni nulla. Fortunate coloro che hanno qualcuno che le supporta, che le ascolta, che hanno esperienze positive nell’allattamento.
Molte di noi devono conciliare sin da subito casa, famiglia e lavoro, quindi la scelta più facile è passare all’allatamento artificiale così si può delegare, ma per il bimbo, non è la scelta migliore. L’importante è non scoraggiarsi mai.
Personalmente il primo figlio l’ho allattato fino a nove mesi, ho dovuto smettere perchè mi morsicava. Più volte nell’arco dei nove mesi sono stata sul punto di gettare la spugna, di passare al latte artificiale, ma la piccola pesta lo rifiutava, quindi ho dovuto insistere, insistere e ancora insistere, per il suo bene, ma è stato un bene anche per me. Etro fiera di me stessa, mi sentivo “brava”.
Con il secondo figlio non mi è andata così bene. Al quarto mese ho notato una perdita consistente di latte, era tutto un pianto, il latte artificiale lo rifiutava. Ho cambiato molteplici marche, ma nulla da fare, beveva 100 gr, giusto per saziarsi un pochino e poi piangeva, quindi di conseguenza cresceva poco. E’ stato un vero dramma, anche psicologico da parte mia, l’ho vissuta come una sconfitta.

Potrebbe anche interessarti:
Mamme in divisa allattano al seno…è polemica!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...