Archivi categoria: Bulimia

Anoressia e bulimia in aumento tra le donne, perchè?

In questi giorni a Milano c’è la settimana della moda e guardando le immagini delle modelle bisogna ammettere che sono davvero troppo magre. Ogni volta che c’è questo evento si parla del problema dell’anoressia e ogni volta durante le interviste le ragazze precisano che loro hanno un’alimentazione sana e fanno tanto sport. Sinceramente se avessero un’alimentazione così sana, non avrebbero quei visi così emaciati, quindi mi permetto di dubitare. Una ragazza che ha una taglia 42 può dire di mangiare in modo sano, una taglia 36-38, non può dirlo, mangierà di tutto, ma pochissimo di tutto.
Anoressia, bulimia e altri disturbi alimentari sono un fenomeno in aumento in Italia, sono disturbi che interessano circa il 5/6% della popolazione femminile, ma il dato può anche arrivare al 10% se si includono quelle situazioni di disordine alimentare, che ancora non sono sfociate in una patologia.

Le cause che possono scatenare il disturbo alimentare sono traumi di varia natura, situazioni di stress, fallimenti sentimentali, oppure diete rigide che si fanno senza avere un parere medico. I mass media poi ci propongono continuamente dei modelli di bellezza, che per molte persone sono causa di frustrazione, in quanto sono modelli irraggiungibili. 
L’anoressia si manifesta inizialmente con una diminuzione dello stimolo ad alimentarsi, poi c’è proprio la mancanza di appetito, quindi l’anoressia vera, poi il rapido dimagramento e, nelle donne, l’assenza delle mestruazioni.
Le donne che soffrono di bulimia, a differenza di quelle che soffrono di anoressia, non conoscono il controllo ma la sconfitta, per compensare mangiano.
Nell’anoressia l’emozione dominante, è quella della vittoria, perchè riesce a dominare l’impulso del mangiare, nella bulimia si cede senza potersi difendere a saziare una fame che non è del corpo ma dell’anima, e quando la sensazione di sazietà giunge si è invasi da sensi di colpa devastanti che conducono al vomito indotto che lascia frastornate e doloranti.

Bisognerebbe dire basta a chi manda in passerella ragazze magrissime e a chi in generale promuove un’immagine di donna scheletrica.
Bisognerebbe essere in grado di capire che magrissima non è sinonimo di bellezza.
Bisognerebbe avere più stima di sè e non perdere tempo a rincorrere modelli di perfezione che poi tanto perfetti non sono.
Bisognerebbe che la smettessimo di crogiolarci nelle nostre inperfezioni, infondo proprio questo ci rende ciò che siamo, persone unicamente uniche!

1. Essere magri non significa essere belli.
2. Avere fame è un diritto, mangiare è un dovere!
3. Noi non siamo il nostro peso, la bilancia non misura il nostro valore come persone.
4. Usiamo lo specchio solo per ammirarci.
5. I disturbi alimentari vanno presi a morsi.
6. Una buona mamma non augura alla propria figlia un disturbo alimentare.
7. Nessuna figlia vorrebbe vedere la propria madre con un disturbo alimentare.
8. Bisogna essere magri ma sani.
9. Le persone magre e sane non contano le calorie.
10. Avere un disturbo alimentare significa essere schiavi di precisi pensieri e comportamenti, la vera forza è venirne fuori.



Disturbi alimentari nel bambino

Obesità e anoressia, bulimia e sovrappeso: tutte patologie dovute ad un difficile rapporto con il cibo. E se aumenta il numero delle persone in sovrappeso o obese, anche anoressia e bulimia fanno registrare numeri più che preoccupanti.

Il problema del cibo inizia a manifestarsi già a 8 anni e nel nostro Paese fa 8mila morti l’anno, il doppio di quelli causati da incidenti stradali.

Una “epidemia sociale”, considerato che nel nostro Paese si pensa siano almeno 3 milioni le persone che soffrono di un qualche disturbo legato all’alimentazione.

Sono più le bambine, nella fascia 8-10 anni, ad avere problemi di questo tipo, ma basterà qualche altro anno perchè non si potrà più parlare di queste malattie come di disturbi di genere: oggi i maschi sono il 20%, e accusano lo stesso, profondo, disagio provato dalle bambine.

Dei 3 milioni, almeno 500mila fanno anche uso di alcol, e stupefacenti, entrando a far parte del gruppo (una novità per il nostro Paese) della drunkoressia. Questa patologia provoca, in individui già sottopeso, un ulteriore dimagrimento e, crea dipendenza dall’alcol, causando a lungo andare anche cirrosi epatica, tumori al fegato e al seno, oltre che ovvi problemi psicologici.

Al momento, in Italia, non sono moltissimi i centri che ospitano le persone affette da questi disturbi. A Varese, a Villa Miralago, il più grande centro in Italia, ne sono ricoverate 46, tra donne e uomini, alcuni anche inorenni, che trascorrono anche anni della propria vita nella struttura prima di riuscire a riprendere la propria, normale, vita.

Di anoressia di muore, perchè ci si suicida, o per gli effetti collaterali della malattia. Attualmente l’anoressia fa più morti anche della depressione, anche 7-8 mila ogni anno.

Dietro ad un disturbo alimentare c’è una richiesta di aiuto e il desiderio di essere considerati. alimentare del loro bambino fin da quando è piccolo e che, alla prima avvisaglia, si rivolgano subito ad uno specialista.

Le cose alle quali prestare attenzione sono: il fatto che il bambino, sistematicamente, rifiuti il cibo (di qualunque tipo esso sia) o che si abbuffi a dismisura e che abbia episodi di vomito.
Di solito questi comportamenti alimentari sono accompagnati da una chiusura del bambino verso il mondo esterno: il bambino, in pratica, rifiuta o schiva il contatto con i coetanei e tende a chiudersi in se stesso.

Fonte: QUI e QUI